mercoledì, dicembre 27

Piccola pausa

Questa foto sembrerebbe scattata su un bel mercato in qualche bella località di mare. Dei banchi con prodotti ittici di primordine, con pesci guizzanti e dai colori iridescenti. E' invece una foto scattata a Milano qualche giorno fa in un pomeriggio di shopping e chiacchiere tra madre e figlia. Una bella consuetudine che si ripete verso Natale e che ci porta a gironzolare tra negozi e vie della metropoli così vicina a Piacenza. I miei figli, che ci studiano a Milano, sono delle guide perfette per me che arrivo dalla piatta (ma tranquilla) provincia. Questo mercatino rionale è vicinissimo all'Accademia d'arte di Brera dove studia Sara. Una zona incantevole, una parte di Milano che io amo particolarmente. Gallerie d'arte e negozietti particolari e poi questo mercato che ha dei prodotti di qualità a dei prezzi ottimi. Le bancarelle di frutta e verdura sono un incanto e si trovano altri prodotti alimentari e non, a prezzi davvero ottimi.
Mi stupisce che, pur essendo a due passi da "Montenapoleone", non vi siano prezzi da gioielleria.
In ogni caso, complice la bella giornata di sole, abbiamo goduto del tempo trascorso insieme e devo dire che è uno dei momenti migliori che Natale mi abbia regalato.

Lascio per qualche giorno il blog incustodito, e parto per Citerna (Umbria ) per passare in compagnia di amici il Capodanno. La zona impervia e l'assenza (sopratutto) del mio computer non mi permetterà di postare alcunchè per un pò.
Prometto di annotare, fotografare, assaggiare le meraviglie gastronomiche della zona e al ritorno sarò carica di nuove esperienze da condividere.

Buon fine anno a tutti e un 2007 pieno di serenità e amore.

martedì, dicembre 19

Verzolini ripieni

Questi bei fagottini verdi, sono un piatto tipico di queste parti. Un classico esempio di come recuperare gli avanzi di carne e trasformarli in una preparazione davvero gustosa. Questo è il periodo ideale, le verze hanno preso le gelate notturne e sono più tenere e saporite.



  • carne lessa (io ho usato del pollo arrosto)
  • burro
  • brodo
  • pane e formaggio grana grattugiati
  • noce moscata
  • pepe
  • una cipolla
  • un uovo
  • una verza
  • salsa di pomodoro

Tritate piuttosto fine qualunque tipo di carne lessa avanzata. Scottate con un po' di brodo caldo il pane grattugiato, mescolate, unite odore di noce moscata, pepe, la carne tritata, un po' di formaggio grana grattugiato; legate il tutto con un uovo.
Scottate in acqua salata le foglie di verza (le piu grandi e intere che riusciate a staccare), scolatele e allargatele sul tagliere, mettete nel centro due cucchiai di ripieno, arrotolate le foglie e legatele con un filo di refe. Disponete i verzolini in un tegame con burro fuso nel quale avrete fatto soffriggere una cipolla affettata finemente, quindi aggiungete
la salsa di pomodoro e il brodo fino quasi a coprire i pacchettini. Cuocete a fuoco basso fino a che il sughetto non sia ben risretto. Regolate di sale e servite ben caldi.


Pare che i "verzolini" piacessero molto alla regina di Spagna Elisabetta Farnese.

Cremini ripieni


Quelli che io chiamo cremini, non sono altro che champignon "cremini" e non certo quei deliziosi cioccolatini con marchio FIAT.
Sono un contorno elegante e sanno arricchire anche una semplice scaloppina.
Se poi, in stagione, avete sotto mano dei porcinetti belli sodi è inutile dire che sarebbero l'ideale.

  • champignon cremini 8/10 abbastanza grandi
  • pecorino grattugiato 50 g
  • parmigiano grattugiato 50 g
  • poca mollica di pane bagnata nel latte
  • uovo 1
  • aglio 1/2 spicchio
  • prezzemolo tritato 2 cucchiai
  • meggiorana un pizzico
  • sale
  • olio evo

Togliete il gambo hai funghi facendo attenzione a non romperli. Lavate le cappelle velocemente sotto l'acqua e asciugatele perfettamente. Preparate il ripieno.
Unite i due formaggi grattugiati in una ciotola, il pane bagnato nel latte, l'aglio spremuto, il prezzemolo, la maggiorana e l'uovo sbattuto. Regolate di sale. Impastate rapidamente il composto e con esso riempite bene le cappelle dei funghi. Mettetele in una teglia che le contenga perfettamente e irroratele con un filo d'olio.
Mettete in forno caldo a 180° per circa 20 min. ho fino a che si saranno gonfiati e avranno preso un bel colorito dorato. Serviteli ben caldi con carni con poco intingolo ed eventualmente spinaci passati al burro.
Potrete utilizzare i gambi eliminati per un altra preparazione.



martedì, dicembre 12

Torta speedy zucchine e ricotta


Ecco una torta salata davvero veloce. Se proprio volete complicarvi la vita potete preparare la pasta sfoglia in casa oppure, se come la sottoscritta avete i minuti contati, andrà benissimo la sfoglia che troverete al banco frigo o surgelata.

  • pasta sfoglia 1 rotolo
  • zucchine novelle 4
  • ricotta di mucca 250 g
  • grana grattugiato 1/2 scodella
  • uova intere 2
  • sale qb

Affettate le zucchine a rondelle sottili, mettetele in una ciotola, così crude, con tutti gli altri ingredienti. Mescolate bene. Ora stendete la sfoglia e rivestite la tortiera ( 26 cm di diam. ) anche sulle pareti, versatevi il composto di zucchine, livellate bene, ripiegate i bordi della pasta eccedente verso il ripieno e infornate a 180°. Non preoccupatevi, le zucchine cuoceranno perfettamente insieme al ripieno.
Lasciatela gonfiare e colorire per circa 20 min. o fino a che sarà bella dorata.
Per renderla più allegra e colorata
, potete aggiungere, infilati sulla superficie del ripieno, dei piccoli pomodorini ciliegia prima di infornarla.
Lasciatela intiepidire e servitela.

lunedì, dicembre 11

Il mio pacco della felicità è arrivato!!!


E' lui, il mio pacco!!! E' arrivato!!! La cosa stupefacente di questa iniziativa di Fior di Zucca è che questi "pacchi", ancora prima di essere aperti ed apprezzati per il loro contenuto, ti rendono davvero felice. E questo succede per il solo fatto che qualche persona, a te sconosciuta, ha pensato, impacchettato e spedito un regalo proprio a te.
Questa la crono-storia del suo arrivo. Sabato mattina, mentre mi aggiravo ancora in pigiama per casa, con quell'aria indecisa e una nuvoletta sopra la testa ( tipo fumetto) che diceva pressapoco così:" ma da dove comincio a riordinare stò casino?"....trilla il campanello e una voce perentoria al citofono mi dice:- Un pacco, deve firmare! - Mi precipito per le scale e mentre scendo mi ricordo di essere in pigiama. Troppo tardi!! Firmo a metà scala, con il pacco sulle ginocchia e un incontrollabile desiderio di aprirlo proprio lì. Mentre risalgo leggo sulla cedola di spedizione il nome del mittente: Antonia, Genova.
"Belin" che meraviglia, da Genova!!! Il campanello ha svegliato anche mio marito che assonnato arriva in cucina e aspetta con pazienza che io abbia fotografato il pacco chiuso e poi aperto e poi scartato e poi...ma quanto ci metti ad aprirlo stò pacco?
Uomo di poca fede, proprio lui che nei giorni scorsi andava dicendo:- E se poi nessuno spedisce a te? - Ora eccolo lì, curioso come una scimmia.


Ed ecco il mio pacco della felicità, in tutto il suo splendore, aperto e con il contenuto più ligure che si possa pensare. Troffie con il relativo vasetto di pesto e Croxetti abbinati alla loro fedelissima salsa di noci. Due eccellenti primi piatti di una regione che, come ho detto più volte, amo molto per la sua cucina e per gli incantevoli scorci di mare.

Le confezioni di questa linea di prodotti sono davvero eleganti e riportano sulle etichette delle riproduzioni di stampe antiche che raffigurano bellissimi velieri.
Ringrazio di cuore Antonia ( non ho capito se hai un blog) ) per questo bellissimo regalo che come potete vedere ha già reso felice anche i miei commensali.

Gli ottimi Croxetti con salsa di noci hanno allietato il pranzo di domenica e hanno riscosso il meritato successo.
Ora non mi resta che seguire gli sviluppi della mia spedizione e degli altri pacchetti della felicità in giro per l'Italia ed il mondo.

mercoledì, dicembre 6

Meme dei biscotti (fuori concorso)


Con un ritardo decisamente non giustificabile, accolgo l'invito di Cannella e pubblico la ricetta dei biscotti che fanno la felicità di parenti ed amici a Natale.
Non potrò certo partecipare al concorso, che è stato meritatamente vinto da L' Ape Maia ma spero di entrare nel libricino che raggrupperà tutte le ricette inviate per questo meme ( e che Canny a promesso di redarre!! ).
Non lasciatevi ingannare da forme e decori diversi, l'impasto è sempre lo stesso ed è la mia solita pasta frolla che trovate anche qui e che riporto per comodità.
  • zucchero 200 g
  • tuorli 4
  • burro 250 g ( spesso utilizzo metà burro e metà margarina )
  • farina 500 g
  • lievito in polvere 1/2 bustina
  • scorza di limone grattugiata
  • un pizzico di sale
Lasciate ammorbidire il burro (io utilizzo il microonde a bassa potenza), mettete i tuorli con lo zucchero in una ciotola e iniziate a mescolare.
Unitevi la farina, il lievito, il sale e la scorza di limone grattuggiata. Da ultimo unite al composto il burro. Lavorate con le mani rapidamente e formate una palla che avvolgerete nella pellicola. Lasciate riposare per almeno mezz'ora in frigo (un pasticcere mi ha detto che può rimanere in frigo anche qualche giorno).
Ora la pasta frolla è pronta e potete divertirvi con forme e decori.
Stendete con il mattarello una sfoglia alta circa 1/2 cm. Tagliate i biscotti con le forme che più vi pacciono, posateli sulla placca del forno rivestita di carta forno, spennellateli con un uovo sbattuto con poco latte e decorateli a vostro gusto.
Cuoceteli in forno pre-riscaldato a 180° fino a che saranno color "biscotto".
Dopo averli sfornati, sollevateli delicatamente dalla placca e lasciateli raffreddare su una gratella. Tolti dal forno, sono molto friabili e potrebbero rompersi, ma raffreddandosi raggiungono una consistenza più solida e possono essere conservati anche per un mese in una scatola di latta ben chiusa.

Questo sono i decori che io preferisco.


  • granella di zucchero
  • zucchero di canna mescolato a cannella in polvere
  • granella di nocciola
  • mandorla intera spellata
  • ciliegina candita
  • mandorle a lamelle
  • nocciola intera
  • gocce di cioccolato mescolate all'impasto

Per "incollare" mandorle e nocciole intere, metto al centro del biscotto una goccia di marmellata.

Tra poco, partirà la mia produzione natalizia, della quale questi biscotti sono stati solo una prova. Solitamente ne impasto grandi quantità e tengo la frolla in frigo. Divido quindi la cottura su diverse serate portando il forno al collasso.




lunedì, dicembre 4

Spedito!!!

Ecco il mio "pacchetto della felicità , è stato spedito come Fior di Zucca ha ordinato.
La cosa divertente di questa iniziativa è che ci porta a fare gli auguri a persone che si celano dietro a blog e commenti e che ci sembra un pò di conoscere, anche se solo virtualmente. Con questo pacco spediamo anche un pò di noi e riceviamo indizi preziosi di altre persone. Io sono stata abbinata ad una persona che non ha un blog, ma che ci legge. Mi è stato quindi più difficile scegliere il contenuto del mio pacco.
Spero comunque che sarà gradito e che porti davvero "felicità" a chi lo riceve.
Resto in spasmodica attesa del pacco destinato a me.

Eccolo che arriva!!!!