martedì, marzo 18

Sablè mandorle e limone


Complice mia cognata tedesca, mi trovo con una quantità esagerata di mandorle e nocciole sfarinate. E' tornata dalla sua vacanza natalizia in Germania con tutti quei bei pacchettini e con l'intenzione di darsi alla pasticceria. Il risultato è che ora sono io che devo smaltirli...e le ultime ricette ne sono la prova. Questo esperimento di biscottini mi ha molto soddisfatta. Sono partita da una ricetta copiata a qualche blogger....me ne ricordassi la provenienza una volta...e naturalmente ho apportato alcune modifiche.

Aiutata da Arietta sono riuscita a risalire all'originale così potete confrontare con quelle delizie di pasticcini limone e mandorle di Brodo di Giuggiole ( grazie Moscerino).

Secondo me sono fantastici da condividere con una amica davanti ad una tazza di thè fumante. Non ci stà male una spolveratina di zucchero al velo.



  • 125 g di burro
  • 125 g di zucchero al velo vaniglinato
  • 160 g di farina 00
  • 65 g di farina di riso
  • 100 g di farina di mandorle
  • succo di un limone
  • un pizzico di sale


Sbattete bene il burro ammorbidito con lo zucchero al velo fino a renderlo cremoso. Incorporate le farine, un pizzico di sale e tanto succo di limone quanto ne servirà per rendere la pasta della consistenza di una frolla. Impastate brevemente, fate una palla e avvolgetela nella pellicola. Mettete in frigo 30 min. Stendete la pasta con uno spessore di circa 4 mm. Tagliate i biscotti con il vostro tagliapasta preferito (in questo periodo, il mio è questo delizioso fiorellino) e poneteli nelle teglie rivestite di carta forno. Fate cuocere in forno a 180° per circa 15 min. Controllateli perchè non coloriscano troppo. Lasciateli raffreddare e se credete, spolverizzate di zucchero al velo.


Si accettano consigli per smaltire le suddette scorte di farina di mandorle e nocciole.

giovedì, marzo 13

Cuore di Mamma Oggi Sponsorizza l'Arte

Scusate la divagazione non culinaria, ma non ho resistito! Una giovane artista inaugura oggi il suo blog e a breve avrà una personale delle sue opere. Io non ho una grande cultura artistica ma mi piace l'arte in tutte le sue espressioni e le sue stampe mi emozionano molto. Una giovane figlia che mette nel suo profilo blogger - professione: artista - desta qualche legittima preoccupazione per il suo futuro finanziario, ma quello che le auguro di tutto cuore è che il suo sogno si avveri e che le sue opere emozionino anche tante altre persone. Visitate la sua esposizione on line - SARA FORTUNATI//ARTWORK. Per ora contiene solo l'opera che vedete qui, ma presto avrete modo di vedere molti dei suoi lavori.

Crostata Messinese alla Confettura d'Arancia

Questa è una crostata che definirei "sexy" come direbbe una mia amica italo-svizzera. Lo so bene che mi legge e quindi la dedico volentieri a lei e insieme festeggiamo i miei 2 anni di post su questo "fantastico" blog. Ho virgolettato fantastico, perchè penso che ce ne siano davvero tanti di foodblog, e anche di veramente bellissimi. Il tempo per leggerli è poco ma a volte mi perdo nei vari collegamenti da blog a blog e scopro un mondo che sembra non avere inizio e tanto meno fine.

La straripante passione per la cucina - buona, discreta, casalinga o da gourmet - si percepisce appena clicchi un link sulle interminabili blogroll di alcuni di loro. Io stessa, mi limito per la difficoltà a consultarli tutti, ma farei una lista di preferiti lunga da qui fino alla Sicilia e ritorno. E poi che dire, di quei fantastici, a volte addirittura sofisticati blog d'oltralpe o d'olteoceano.

Il mio foodblog non sarà poi così "fantastico" , ma ha permesso di approfondire le mie conoscenze culinarie e ho scoperto che ci sono un sacco di persone che non resistono proprio nemmeno una giornata lontane dai fornelli. Questo mi ha fatto sentire parte di un plotone enorme e non un animale raro... come a volte mi è sembrato di essere.


Oggi il mio prezioso diario è ricco di ricette, di esperimenti e di amici affettuosi che passano di qui e lasciano un saluto o un consiglio. Di questa crostata andrà una fetta virtuale ad ogniuno di loro, nella speranza che mi seguano, senza pretese di piatti d'alta cucina ma, con il sano interesse per la passione condivisa.


pasta frolla al cioccolato:

  • 500 g di farina
  • 250 g di burro
  • 200 g di zucchero
  • 50 g di cacao amaro in polvere
  • 4 tuorli d'uovo
  • 1/2 bustina di lievito
  • un pizzico di sale

per il ripieno:
  • qualche cucchiaio di confettura di arancia ( quella di mia produzione, è di arance rosse, ma andrà bene anche d'altro tipo)
  • mandorle macinate 150 g
  • zucchero 150 g
  • fecola 25 g
  • burro 150 g
  • uova 4
  • buccia d'arancia

Setacciate la farina, il cacao amaro e il lievito. Sbattete bene i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale. Uniteli alla farina insieme al burro tagliato a pezzetti e leggermente ammorbidito. Impastate brevemente e formate una palla con la frolla ottenuta. Avvolgetela nella pellicola e ponetela in frigo almeno 2 ore. Al momento di cuocere la crostata, stendete la frolla e rivestite una tortiera da 26 cm di diametro. Sul fondo fate un sottile strato di confettura d'arancia.

Per il ripieno montate il burro con lo zucchero. Aggiungere, sempre mescolando, uno alla volta, le uova e la buccia gratuggiata del limone. Quando il composto è montato, unite la fecola e la farina di mandorle. Mescolate delicatamente per ammalgamare il tutto. Versare il composto nella base di frolla e mettere in forno a 180° per 30/40 min. Quando la torta si sarà raffreddata spolverizzatela con zucchero al velo e....buon bloganniversario a me, buon bloganniversario a meeeeeeeeeeeee!

Se vi avanza della pasta frolla, potrete fare dei deliziosi biscottini a fiorellino!

domenica, marzo 9

I migliori muffin al cioccolato


Ecco un muffin che riesce sempre benissimo! Veloce e di sicuro effetto...a chi non piace un muffin al cioccolato a colazione? Altro fattore da non sottovalutare è che rimane estremamente morbido, ma senza l'apporto del burro e con un solo uovo...quindi leggerissimi. Ok c'è il cioccolato, ma poco poco!

Queste delizie arrivano dritte dritte dalla meravigliosa raccolta di Cannella del blog la Zuccheriera e dopo vari esperimenti ho eletto come migliori muffins questi di Afrodita di Food & the City. Grazie, Afrodita!! Qualche "indispensabile" ritocco alla ricetta originale...e mi sono sembrati perfetti e quindi li ho adottati d'ufficio.



  • farina 00, 250 gr
  • lievito per dolci 1/2 bustina
  • cacao in polvere 2 cucchiai oppure 4 nella versione senza gocce di cioccolato (foto 1)
  • zucchero semolato 150 gr.
  • cioccolato fondente in gocce 100 gr.
  • latte 250 gr.
  • olio di semi di girasole 80 ml
  • uovo 1
  • vaniglia in polvere 1/2 cucchiaino
  • sale 1 pizzico
Procedere come al solito mettendo tutti gli ingredienti secchi in una ciotola (ricordate di setacciare la farina insieme al cacao). In un altro recipiente mettete il latte, l'olio (quello di semi di girasole ha il pregio di avere un sapore abbastanza neutro) e l'uovo sbattuto. Unite i liquidi agli ingredienti secchi e mescolate rapidamente, si deve ammalgamare il tutto ma non serve mescolare a lungo.
Rivestite con i pirottini di carta gli stampini, versatevi il composto fino a riempirli per 3/4 e decorate a piacere la superficie con granella di zucchero, altre gocce di cioccolato oppure, come nella mia seconda versione, con un amaretto inzuppato nel rum. Mettete in forno preriscaldato a 180° per circa 20 min. oppure fino a che risulteranno ben gonfi e asciutti all'interno. Non lasciateli troppo seccare, l'impasto perderebbe la sua naturale morbidezza.