lunedì, aprile 6

Risotto con crema di melanzane e lattuga


Solito risottino della domenica. Questa volta sentivo il bisogno di renderlo più primaverile, finalmente riappare il sole dopo questo lunghissimo inverno e i preparativi per il pranzo pasquale si fanno impellenti. A proposito, cosa portate in tavola per Pasqua? Io ho un bel coniglio, davvero nostrano, che aspetta lì bello congelato, di essere messo in casseruola. Si accettano di buon grado idee golose.

Ma torniamo al nostro risotto. Il brodo di carne è pronto ( per quanto molti consiglino,
per i risotti con verdure, il brodo vegetale non riesco proprio a capirne il motivo... si rischia di trasformarlo in un minestrone ristretto ) e poi ho trovato una ricetta niente male su quella bella enciclopedia della "Cucina Italiana" e con le ovvie modifiche (come sempre) ecco un delizioso piatto per la collezione primavera/estate 2009.

per 4 persone
  • 1 litro e 1/2 di brodo di carne (magari di pollo che resta più delicato) o vegetale se preferite
  • 1 melanzana
  • olio evo
  • origano
  • uno scalogno
  • 350 g di riso roma
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • qualche foglia di tenera lattuga
  • 70 g di crescenza allo yogurt
Lavate e tagliate a dadini la melanzana con tutta la buccia. Mettetela in uno scolapasta, cospargetela di sale e lasciatela spurgare 1 ora. Mettete qualche cucchiaio d'olio evo in una padellina, strizzate i tocchetti di melanzana e fatela stufare a fuoco dolce, regolate di sale e cospargete con un generoso pizzico di origano. Lasciate intiepidire e frullatene i 3/4. Riscaldate il brodo e mantenetelo caldo a fuoco bassissimo.

Ponete nella casseruola o risottiera, qualche cucchiaio d'olio evo e lo scalogno affettato finemente, lasciate appassire a fuoco dolce e aggiungete il riso. Tostate il riso rimescolando perchè si impregni del condimento, sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare. Aggiungete il brodo caldo fino a coprire il riso, mescolate e coperchiate. Lasciate cuocere a fuoco basso aggiungendo, man mano che asciuga, il brodo caldo. Preparate la lattuga e tagliatela a listarelle.

5 minuti prima di spegnere, aggiungete la melanzana frullata e la crescenza. Regolate di sale. Spegnente ed aggiungete la lattuga, mescolate, e se serve, aggiungete ancora un goccino di brodo. Coperchiate un minuto. Servite il risotto nel piatto accompagnandolo con la dadolata di melanzane tenuta a parte.

11 commenti:

Giò ha detto...

niente male il tuo risottino..mi fai venire una voglia.....sperando che porti la primavera visto che a Pc in un giorno praticamente passano tutte le stagioni......

Giò ha detto...

ps x il coniglio: a me piace da morire molto semplice, fatto rosolare con rosmarino, timo e olive taggiasche + vino bianco con patate al forno!

katty ha detto...

che buono questo risottino! lo proverò!! buona settimana!!
bel blog!!!

Gloricetta ha detto...

Ciao Giò, clima pazzerello davvero. Coniglio con le olive vero? Tipo alla ligure? Annoto!

Grazie Katty, ora vado a dare una sbirciatina dalle tue parti.

Glò

manu e silvia ha detto...

Ciao!complimenti per questo risotto! melanzane e lattuga lo rendono colorato ed estivo..poi la cresecenza allo yogurt gli dà morbidezza e leggerenza!
Proprio brava!
un bacione

Anonimo ha detto...

Mi hanno giusto regalato due bellissime melanzane, proverò a fare il tuo risottino.Per il coniglio io lo faccio al limone, molto semplice e gustosissimo. Ciao Mara
P.S.
Ricettina
Tagli a pezzi il coniglio lo lavi con acqua e aceto,(io lo lascio circa una mezzora) lo insaporisci con la Bolognese (condimento per arrosti) olio e aceto, lo metti in una casseruola a rosoloare aggiungi un pò di brodo per terminare la cottura, lo lasci colorare un pò, e prima di servire gli spremi 1/2 limoni lascia evaporare e servi.

Mariù ha detto...

Svengo dal piacere!
Questo lo provo subito anch'io!

il ramaiolo ha detto...

che buono!! Buona Pasqua!!!!

Agata ha detto...

Il tuo blog è gustosissimo l'ho messo tra i migliori.
Complimenti

claudia ha detto...

che originale sto risottino! proverò senz'altro anche perchè di melanzane non sarei mai stufa! e ottime anche le mezze maniche del post precedente, mi ricordano la trinacria bella e impossibile! che sapori! a presto e complimenti come sempre

lalla ha detto...

buonissimo!!!