domenica, febbraio 15

Muffin soffici ai mirtilli

Era da tempo che non sperimentavo una ricetta di muffin che mi appagasse con un risultato così morbido. Questi sono perfetti anche il giorno dopo....se ci arrivano al giorno dopo! Io li ho preparati ieri e oggi ne staziona uno, solo soletto, sotto la campana di vetro dell'alzatina che vedete nella foto. Devo stare attenta, oppure la sfida con il mio peso forma, riacquistato dopo immani sacrifici, verrà vanificata in breve.

Mi chiedo se tutti i food blogger si trovano a dover fare i conti con l'ago della bilancia (e non parlo di quello che pesa le dosi delle nostre ricette)? Personalmente non posso fare a meno di cucinare, è più forte di me, e poi come si fà a non assaggiare! Metti che l'aspetto sia appetitoso ma che il sapore non corrisponda alle aspettative...con i miei commensali posso anche far finta di niente (sono esigenti ma mi perdonano qualche scivolone), ma non posso certo postare una ricetta farlocca!

Ehi...è sparito anche l'ultimo muffin! Non puoi distrarti un attimo in questa casa: peggio delle cavallette!

per 14/16 muffin

  • 300 g di farina
  • 9 g di lievito naturale
  • 1 cucchiaino da caffè di bicarbonato
  • 100 g di zucchero
  • 2 uova
  • 125 g di yogurt greco
  • 150 g di latte
  • 60 g di burro fuso
  • la buccia di un limone grattugiata
  • un pizzico di sale
  • vaniglia
  • 150 g di mirtilli

Fate fondere il burro. Rompetele le uova in una terrina, aggiungete lo yogurt, il latte, il burro fuso e mescolate bene. In un altra terrina, ponete tutti gli ingredienti secchi e quindi unite il contenuto dei due contenitori. Mescolate brevemente per ammalgamare e aggiungete i mirtilli lavati ed asciugati. Mescolate ancora velocemente e riempite i pirottini di carta posti nello stampo per muffin. Infornate a 180° per circa 20 min. fino a che saranno belli gonfi e dorati. Fate la prova stecchino per verificare che l'interno sia asciutto. Sfornateli e fateli raffreddare sulla gratella.

martedì, febbraio 3

Orate con verdurine croccanti


La situazione meteorologica, consiglierebbe al nostro stomaco una bella polenta fumante oppure una calda zuppa corroborante...nonchè un bollito misto senza eguali, ma io ho bisogno di mare, di sole, di colore!
Le orate sul banco del pesce mi facevano l'occhiolino e io non so resistere a questi richiami visivi. Mentre le osservo mi chiedo come le cucinerò e, senza pensarci troppo, ecco che pago alla cassa e me le porto a casa insieme ad un chilo di vongole veraci; fuori nevica neanche fossimo a Cortina.

Due spaghetti con le vongole non ce li toglie nessuno e poi, queste belle orate al forno, con tanti colori e profumi. Uno scampolo di mare in questa grigia, piatta e nevosa pianura.


  • 4 orate da porzione
  • 10 pomodorini pizzuttelli
  • 1 grossa carota
  • 2 gambi di sedano
  • 1/2 cipolla rossa
  • 1/2 peperone rosso
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale qb
  • olio evo
  • 2 foglie di alloro
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
Eviscerate, squamate e lavate bene le orate. Asciugatele ed incidetele, su di un lato, con 3 o 4 tagli in diagonale. Salate l'interno ed allinatele sulla placca del forno rivestita di carta forno. Bagnatele lentamente con il vino bianco. Accendete il forno e portatelo a 200°.

Nettate tutte le verdure, tagliate
in due i pomodorini e distribuiteli attorno alle orate, salate. Tritate finemente il prezzemolo e ponetelo in una ciotola. Tagliate a brunoise la carota, il sedano, la cipolla ed il peperone ed uniteli al prezzemolo. Salate le verdure ed irroratele con qualche cucchiaio di olio evo. Mescolatele nella ciotola e poi distribuite il tutto sopra e attorno alle orate. Spezzette le foglie di alloro (meglio se un pò secco) e ponetelo tra i pesci. Infornate e lasciate cuocere 20/25 min. circa (quando il pesce è cotto, l'occhio si riveste di una patina bianca). Sfilettate e servite nei piatti caldi con le verdurine, che resteranno un pò croccanti, ed il sughetto.